webelieveinstyle

style on

style on > Nuovi equilibri iconico funzionali: la moda di Christopher Kane

SO-377CKane

Nell’anima del designer c’è sempre uno spazio impreciso, punto indecifrabile che compone la famosa cifra stilistica, elemento di pregio che costituisce la sete di conoscere e sperimentare, moderno slancio verso quel polo attrattivo che non solo permette di creare, ma ancora di più alimenta la radicale insoddisfazione che costituisce il cuore della ricerca stilistica.

La collezione uomo primavera/estate 2015 di Christopher Kane esplora così le infinite possibilità del desiderio umano attraverso la sensibilità grafica, tratto tipico dello stilista britannico fortemente voluto qualche tempo fa da Donatella Versace per disegnare la linea Versus.

Un vivificante senso di energia attraversa con armonica sapienza capispalla e maglieria, che scossi da linee radianti e pennellate grafiche acquistano una tridimensionalità attrattiva, quasi a voler catturare la sensibilità attraverso inaspettate doti ipnotiche.
Stampe vivaci e fantasie inedite rivendicano il ruolo di protagonista in maglioni, camicie e soprabiti, inneggiando a una moda che spicca il volo sulla certezza di solide basi.

Grafismi sapienti non solo per rivendicare nuove direzioni, ma per modificare la silhouette, che dalla stratificazione grafica giocata a contrasto guadagna nuove possibilità e dimensioni. Indispensabile a tal fine il sapiente uso del colore, per quel giusto tocco di spensieratezza, ora più che mai necessaria: giallo neon, rosso scuro e blu chiaro contrastano con chiassosa allegria il nero predominante, mantenendo la promessa di una nuova definizione di prêt-à-porter.

L’apparente tradizionalità di tagli e motivi, nuovo viatico espressivo assurto a imperativo assoluto dalle passerelle mondiali, comunica un’intensa preoccupazione sartoriale che trova espressione nella vita delle giacche, nei revers a punta e nella linea dei pantaloni.

Prosegue senza sosta la constante sperimentazione dei tessuti, nell’assunto compito di trovare nuovi equilibri reali per il guardaroba maschile.
Se i trend internazionali proclamano a gran voce il desiderio di trovare un punto di sussunzione fra casual e formale, Christopher Kane accetta la sfida proponendo apparenti contrasti come spirito di unione: succede così che le fibre naturali decidano di coesistere con le nuove frontiere artificiali.
Trame di lana jacquard in purezza costituiscono giacche e capospalla, per poi mischiarsi a cashmere e cotone per la maglieria, o alla seta per le camicie ultra leggere.

Christopher Kane conferma così una chiara linea di stile improntata nelle precedenti collezioni, stabilendo un punto di contatto insolvibile con il pubblico e confermando una chiara visione della moda che verrà.

Roberto Neri

ARTICOLI PRECEDENTI

Tagged , , , , , , , , , , , ,

Scrivi il tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

captcha

© 2013 webelieveinstyle
Twitter: wbistyle