webelieveinstyle

style on

style on > La Camden Bag di Francesco Biasia

SO-405FBiasia

Kumiko sorseggia la sua pinta ammirando il pallido sole che si specchia nelle acque del Regent’s Canal.
Il Lock 17 è uno dei suoi locali preferiti a Camden, soprattutto al tramonto.

Il trambusto del Lock Market, con i suoi stables brulicanti di persone come dei piccoli formicai, si perde nella quiete delle acque che scorrono pacifiche lungo il canale, prima di giungere dopo svariati chilometri al Tamigi.

Kumiko guarda gli oggetti che fanno da cornice al suo bicchiere ormai bisognoso di un generoso rabbocco: la sua Moleskine, il taccuino magico dove i pensieri diventano schizzi di ogni genere e storie da raccontare; un lapis per imprimere sulla carta quello che i pensieri disegnano nella memoria; il suo iPhone, senza il quale ormai la vita sembra avere un senso diverso; e la sua D70, tutto quello che le serve per catturare in un file quello che i disegni e le parole non riescono ad esprimere.

E poi c’è lei, la new entry della stagione, che sembra fissarla dalla sedia dove l’ha appoggiata.
Le viene da sorridere al pensiero che lei, la sua nuova borsa, porti lo stesso nome del quartiere che Kumiko più ama di Londra: Camden.

Le linee sinuose, i dettagli funzionali, come la tasca frontale, perfetta per il suo notes, o la tracolla removibile, che la rende pratica e versatile; il manico intrecciato, che al tatto sprigiona artigianalità e cura nella manifattura.

Francesco Biasia ha creato la borsa perfetta per me, pensa Kumiko rimirando la sua Camden Bag.
Si ricorda ancora il momento della scelta: l’indecisione tra il vitello naturale o il vitello stampa pitone, con finiture in pelle liscia.
E poi la palette dei colori, difficile esprimere una preferenza di fronte a tinte dai nomi cosi evocativi: Aurora, Oceano, Onice, Sabbia, Terra.

Un senso di appartenenza immediata quello che ha legato Kumiko alla sua nuova Camden Bag: una sicurezza ulteriore, una borsa che possa contenere tutta la curiosità e la dinamicità delle sue ricerche per le vie di Londra, grazie alla praticità e al carattere smart del design.

È ora di andare.
Peter la aspetta a Carnaby Street. E lei non vede l’ora di mostrargli questo suo nuovo gioiello, che le terrà fedele compagnia nelle avventure della prossima stagione.

Francesca Sandrini

ARTICOLI PRECEDENTI

Tagged , , , , , , , , , , ,

Scrivi il tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

captcha

© 2013 webelieveinstyle
Twitter: wbistyle