webelieveinstyle

style files > Bianca Maria Gervasio 02/02

style files > Bianca Maria Gervasio 01/02

È un marchio che ha più di cinquant’anni, la sua storia è iniziata nel 1958 in via San Pietro all’Orto a Milano, con un piccolo atelier d’Alta Moda.

È l’inizio per Mila Schön, che in pochi anni si impone come nome importante dello stile italiano, con la sua eleganza senza eccessi e orpelli, con la sua idea di lusso mai gridato che affascina l’Italia di quegli anni. E il double, la sua invenzione più importante, le foto di Ugo Mulas e le immagini dei personaggi famosi come Mina che indossano gli abiti Mila Schön, tutto è patrimonio della storia del Made in Italy.
Dal 1992 il marchio è di proprietà del gruppo giapponese Itochu, mentre il design director del brand è Bianca Maria Gervasio. Un nuovo corso che inizia con un profondo rispetto per i dettami di stile della Sig.ra Schön, le origini della linea, capace però di traghettare il mondo Mila Schön in una contemporaneità dove pulizia delle linee e ricerca su tessuti e silhouette sono ideali per una figura femminile attiva nel suo quotidiano cittadino.

Abbiamo incontrato Bianca Maria Gervasio per farci raccontare la nuova collezione Mila Schön per la p/e 2012, ma anche il suo percorso, che ha compreso studi in prestigiosi istituti di moda, che l’ha vista entrare nel team Mila Schön nel 2003, stesso anno in cui presenta una collezione a suo nome sulle passerelle di AltaRoma, il suo debutto come design director nel febbraio 2008  e la sua personale idea di moda.

Riprese e montaggio: Aaron Olzer

style files > Fabric Division 02/02

style files > Fabric Division – 01/02

Questa volta entriamo con le telecamere a scoprire l’Archivio Guerrini e lo facciamo perché Stefano Guerrini ha invitato due amici di webelieveinstyle nel suo mondo e da lì ha deciso di raccontarveli.
Protagonista di questo style file è Fabric Division, progetto nato nel 2009 dall’unione di due menti creative, quelle di Linda Crivellari, laurea in Culture e Tecniche del Costume e della Moda presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Bologna, e Enrico Assirelli, designer di prodotto uscito dall’ISIA di Faenza, con studi legati anche al fashion recycle.
E proprio connesso al mondo del ri-uso il primo passo del duo, che partecipa alla terza edizione del contest ‘A Box of Dream’ indetto dalla Fondazione Claudio Buziol di Venezia, ricevendo una menzione d’onore.
Poi un cambio di rotta che Linda ed Enrico ci raccontano in questa intervista, che spazia dalla collaborazione con Yoox al webelieveinstyle Pop-Up Shop, che Fabric Division ha ideato proprio con noi lo scorso maggio e che presto tornerà.

style files > Alberto Guardiani

webelieveinstyle incontra Rubina Guardiani, figlia di Alberto Guardiani e web manager del noto brand di scarpe italiano.

Occasione per parlare del successo dell’iconica Lipstick Heel di Alberto Guardiani, della collaborazione con Wallpaper per una capsule collection, ma anche di quella con i-D, partner nel concorso “Cinderthriller”, che mira a trovare una nuova scarpa dall’idea vincente come la Lipstick coinvolgendo studenti e giovani creativi, chiamati a inviare le proprie proposte entro la mezzanotte dell’undici novembre (per maggiori info >>>

Nel video che vedrete compaiono immagini tratte dal secondo episodio di “Cinderthriller”, la serie di 5 video, realizzati da fotografi e videomaker di fama mondiale, sotto la direzione creativa di Terry Jones, fondatore e direttore della rivista di culto i-D.

Riprese e montaggio: Aaron Olzer

© 2013 webelieveinstyle
Twitter: wbistyle