webelieveinstyle

style sketch > Prada’s fashion squad

ssAndreuccetti02

Stagione dopo stagione si rivela come la sfilata più attesa, quella che attira maggiormente curiosi e fashion addicted che si accalcano fuori dall’ingresso della sede in Via Fogazzaro, quella su cui tutti gli addetti ai lavori si confronteranno nei giorni successivi.
Stiamo parlando di Prada, uno dei marchi italiani più famosi al mondo, conosciuto anche da chi di moda non se ne intende, capace di rinnovarsi sempre e ogni volta di influenzare il nostro modo di vestire, proponendo collezioni piene dei must-have della stagione successiva, accessori e abiti che in molte desidereranno.

Per la collezione s/s 2014 Miuccia Prada sembra voler recuperare la dimensione dell’infanzia e del gioco.
La location rimanda ad un parco, a metà strada fra il giardino fiorito e il kindergarten, dove un murales fa da sfondo ai giochi per i bambini.
Le donne di Miuccia riempiono i propri capi di elementi decorativi, quasi a ricreare disegni naïf, il sole, gli arcobaleni adornano cappottini e abiti, sobri nelle linee, ma massimalisti nelle lavorazioni.
E come le bambine giocano a vestirsi da grandi, indossando i capi delle mamme uno sopra l’altro, il reggiseno diventa decorazione a vista sui vestiti.
Ma sono soprattutto i ritratti femminili, che campeggiano anche dalle pellicce e che ricordano i disegni di Richard Lindner, a colpire e a sottolineare la forza della figura proposta da Miuccia Prada, come se le sue modelle fossere parte di una gang, forte, che vuole fare sentire la propria voce, e ovviamente molto stilosa.

Torna con un nuovo style sketch, proprio dedicato all’ultima collezione Prada, un amico di webelieveinstyle, un creativo che ha lavorato negli uffici stile di maison come Lancetti e Valentino, che è stato docente di moda allo Ied di Roma, che è anche stylist e illustratore e che dal suo spazio Facebook ha conquistato il cuore di molti fan della moda grazie ai suoi disegni affascinanti e vibranti di passione.

Un talento, quello del bravissimo Maurizio Andreuccetti, che a noi piace mettere alla prova nei nostri progetti, come questo pieno di dettagli, che Maurizio rende perfettamente, e del quale potete ammirare i lavori anche qui e qui. Inoltratevi con Maurizio e con noi alla scoperta della collezione Prada p/e 2014.

Illustrazioni: Maurizio Andreuccetti
Styling and words: Stefano Guerrini

style sketch > L’allure d’Oltralpe di Miu Miu

ssMeme-e


 

È stata presentata a Parigi al Palais de Iena la collezione Miu Miu disegnata da Miuccia Prada, una seconda anima per la designer, che questa volta ha sfilato sulle note della colonna sonora di “9 settimane e mezzo”.
All’apparenza è un gioco di contrasti, i capi sembrano ben poco rivelatori e sexy, preferendo uno stile decisamente più austero, in realtà il loro modo di sottolineare il corpo, avvolgerlo e stringerlo ha qualcosa di passionale, fisico.

Non a caso la silhouette è a clessidra e particolarmente femminile.
Reminiscenze eighties nelle longuette che si indossano sui giacconi a doppiopetto, negli abiti cappotto, nei tocchi più giocosi, calze e foulard a righe e a pois disseminati in tutta la collezione.
L’atmosfera ricorda un po’ Olivia che saluta Popeye in procinto di salpare sulla sua nave, un po’ un’eroina di inizio secolo scorso di stanza a Deauville, ma nella collezione c’è anche qualcosa di british, di vittoriano, come se dovesse spuntare Sherlock Holmes da un momento all’altro. Il rosa, anche per i cappotti di astrakan, incentiva malizia ed eccentricità.
Gli elementi retrò sono stemperati dai tanti riferimenti sportivi.
Una collezione che piace a pubblico e critica. Un altro successo per Miuccia Prada, sempre capace di cogliere lo zeitgeist dello stile, precedere i desideri e i sogni delle sue donne, per servirli in una confezione perfetta, che questa volta comprende anche una location che sembra una stazione della metropolitana, ma anche un avveniristico porto d’attracco di un futuro non lontano da noi.

E a raccontare i capi della collezione a/i 2013 di Miu Miu attraverso le sue opere, in questo style sketch per webelieveinstyle, è una giovane artista di poco più di vent’anni.
Melissa Marcello vive tra Milano e Berlino, lavora nella moda, dove è un’apprezzata make up artist, e noi infatti l’abbiamo inizialmente conosciuta per questo, ma da quando ha 18 anni dipinge e si è progressivamente avvicinata al mondo dell’arte.
Un po’ per gioco e un po’ per mettersi alla prova ha accettato di realizzare questi disegni, che hanno il suo stile, volutamente fanciullesco e naïf.

Illustrazioni: Melissa Marcello >>>>
Styling and words: Stefano Guerrini

style sketch > Male VS Female

ssGobbetto-e


Dries Van Noten racconta nel backstage della sfilata per l’a/i 2013-14 che la collezione nasce da una domenica trascorsa a guardare ossessivamente i film di Fred Astaire e Ginger Rogers, in particolare “Top hat/Cappello a cilindro” del 1935.
L’idea che ne consegue è di fondere i simboli dell’eleganza maschile e femminile in un unico guardaroba.
Sfilano così per lo stilista belga figure il cui guardaroba è un ibrido fra uomo e donna, leziosità e minimalismo.
E lo stile di lei che incontra quello di lui, una donna che entra nel guardaroba del suo uomo e ne esce carica di elementi che vanno dalla sartorialità ai capi iconici del vestire maschile è una delle tendenze forti uscita dalle collezioni per la fall/winter.
Tessuti come i gessati e il Principe di Galles, completi che solo nei dettagli e nelle proporzioni svelano di appartenere ad una lei, dettagli sportivi che sembrano rubati ai ragazzini in sneakers e skate per strada, sono aspetti di questa voglia della moda di giocare con i ruoli e sovvertire le regole, non scadendo mai però nella ‘rappresentazione’ e nell’eccesso, non c’è futile trasgressione, ma solo contaminazione e trasversalità.

A raccontarci questa tendenza è Nicola Gobbetto, artista e illustratore, che vive e lavora a Milano, città dove è nato nel 1980.
Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti di Brera Nicola è uno dei creativi più interessanti della sua generazione, capace di mescolare input e tecniche diverse, mettersi in gioco, misurandosi anche con mondi come la moda.
Vincitore del Prada Manga Contest  nel 2011.
Nel 2012 realizza il corto animato “The Golden Fish” per Vogue.it.
Attualmente la sua Galleria di riferimento è la Galleria Fonti di Napoli.
Per noi ha visto questo trend, trasformando ogni illustrazione in una piccola opera d’arte dal sapore quasi 80s, dove scompaiono i volti delle modelle, che diventano giochi grafici che ricordano certe copertine di musica elettronica, per far prevalere i dettagli di un guardaroba che si contamina e si trasforma.

IllustrazioniNicola Gobbetto   >>>>    >>>>
Styling and words: Stefano Guerrini

style sketch > La nouvelle femme bourgeoise

ssAndreuccetti


Una donna chic, il cui stile rimanda agli anni cinquanta, è emersa dalla carrellata di sfilate per l’a/i 2013-14.
Lontano dalla didascalica re-interpretazione, questa nouvelle femme bourgeoise mescola input ispirativi che sembrano arrivare dalla Julianne Moore di “Lontano dal Paradiso”, dalle dark ladies e dalle eroine di Alfred Hitchcock con elementi totalmente contemporanei e inaspettati.
Dettagli sporty che contaminano il look iperfemminile, come la zip che regna sovrana, tessuti maschili che trovano modalità d’uso inconsuete, un’attitudine mai troppo perfetta che fa pensare ad una donna che dietro all’immagine ha un mondo complesso, intrigante, da raccontare.
E a disegnare per noi questa donna interessante e protagonista dell’a/i 2013-14 è un amico di webelieveinstyle, un fashion designer, illustratore e stylist freelance, che con la sua arte è già apparso nello spazio style sketch e che siamo onorati di ospitare di nuovo.

Maurizio Andreuccetti è un creativo che lavora nella moda a tutto tondo, è stato docente dello Ied a Roma, ha lavorato negli uffici stile di maison come Lancetti e Valentino, ora dal suo spazio facebook affascina i molti fan con le sue penne colorate e il suo enorme talento.
Potete anche voi trovare le sue illustazioni delle sfilate qui.

Ora seguiteci nella scoperta de la nouvelle femme bourgeoise.

Illustrazioni: Maurizio Andreuccetti
Styling and words: Stefano Guerrini

style sketch > A spring in STRIPES!


Il bianco e il nero, con il loro contrasto così netto e la loro personalità decisa, ha affascinato da sempre i creatori, quante collezioni ‘all black’ e ‘all white’ abbiamo visto in questi anni di moda?
E mai come nella stagione p/e 2013 i due colori saranno protagonisti, spesso separati, spesso insieme, in una versione optical, che cita gli anni Sessanta, la Swinging London e la New York di Warhol, ma poi si sposta verso i Cinquanta a Capri o in Sicilia, verso una icona come Brigitte a St. Tropez, che incontra Monica Vitti de “La ragazza con la pistola”.

E cosa meglio delle righe a rappresentare tutto ciò?
Le collezioni sono un tripudio di stripes e se il punto di partenza è lo scontro/incontro bianco e nero, al nero si può sostituire il rosso o il bluette, le righe diventano una citazione disco grazie all’inserimento dell’argento.

L’ombrellone del vicino sulla spiaggia o le tende della zia diventano un minidress da mare, un completo bcbg da città, perfino il look ideale per un pomeriggio agli Hamptons o per una gita sul panfilo con Anna (Wintour, ovvio!).
Insomma: se per la p/e volete essere superstilose dovete avere qualcosa di rigato, da giorno oppure da sera, quando le righe si illuminano grazie a pailettes ton sur ton!

A raccontarci questa tendenza una nostra vecchia conoscenza, che torna a disegnare per noi, con questo style sketch con cui inauguriamo il 2013.
Katjana Lacatena aveva già realizzato uno dei primissimi style sketch di webelieveinstyle, tutto dedicato a Emporio Armani, dopo quel lavoro ha deciso di iscriversi ad un corso di illustrazione editoriale alla Cfp Bauer Milano, per continuare su questa strada.
Ora è illustratrice freelance, collabora con l’agenzia di Illustrazioni Caroline Seidler di Vienna, ma, visto che vive a Milano, una delle capitali dello stile mondiale, vorrebbe tanto concentrarsi sulla moda in futuro.

Voi intanto potete ammirare il suo lavoro qui.

Illustrazioni: Katjana Lacatena
Styling and words: Stefano Guerrini

© 2013 webelieveinstyle
Twitter: wbistyle